sabato 5 marzo 2011

Nel fegato origine delle placche amiloidi

Secondo un recentissimo studio dello Scripps Research Institute l'origine delle placche amiloidi sarebbe periferica e più precisamente nel fegato.

La scoperta, secondo gli autori semplificherebbe il discorso delle prevenzione e del trattamento dell'Alzheimer.
Sono stati isolati nei topi tre geni,  i bassi livelli di espressione nel fegato di questi proteggerebbero il cervello.
Per bloccare la produzione epatica di placche beta-amiloidi i ricercatori hanno utilizzato un farmaco antitumorale (nome commerciale Gleevec) autorizzato dalla FDA (Food&Drug Administration). Il farmaco si è rivelato utile per ridurre la formazione delle placche e sembra che la sua capacità di penetrare nel cervello dei topi e degli umani sia scarsa, ed è per questa sua caratteristica che è stato scelto.
Il nome della sostanza è imatinib e sarebbe un candidato probabile per la prevenzione e il trattamento dell'alzheimer secondo gli autori.che sperano si possano attivare dei clinical trials per lo sviluppo di un nuovo farmaco.

Vorrei comprendere se esiste una relazione ad esempio tra una ridotta funzionalità epatica, utilizzo massiccio di farmaci e l'attivazione di questi geni che danno il via alla produzione di placche nell'anziano.


http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1002/jnr.22603/abstract 

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.