martedì 1 marzo 2011

Esercizio fisico: fattore protettivo

La  University of Kansas Medical Center ha pubblicato nel 2008 uno studio che evidenzia come l'attività fisica aiuti a mantenere, nelle fasi iniziali dell'Alzheimer il volume dell'ippocampo, importante nei processi della memoria. Nell'Alzheimer si assiste ad una atrofia del volume ippocampale. Un altro studio Australiano (Western Medicine di Nedlands) parla invece dell'importanza dell'esercizio fisico per la prevenzione delle cadute e miglioramento della qualità di vita dei pazienti con demenza a livello domiciliare.
Quando si leggono articoli di giornale sull'attività fisica ci si deve concentrare su quale tipo di attività fisica si sta parlando.
Dagli approfondimenti che stiamo realizzando con l'ausilio di una psicomotricista, infatti non qualsiasi tipo di attività fisica aiuta un paziente affetto da demenza o si rivela un fattore protettivo. Inoltre l'attività fisica agisce anche sui sintomi comportamentali e non solo su quelli cognitivi

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.